Archive for the ‘Linux’ Category

Nessus testa la tua sicurezza

giugno 4, 2007

Vuoi conoscere se il tuo PC o qualsiasi altro computer o server connesso in rete é vulnerabile a un attacco di cracker dall’esterno?

Nessus è probabilmente il miglior analizzatore di rete attualmente disponibile, utilizzato da oltre 75 mila società in tutto il mondo.

Disponibile gratuitamente con licenza GPL è in grado di effettuare una sofisticata scansione da remoto di qualsiasi computer connesso in rete, rilevando le eventuali vulnerabilità presenti e suggerendo le possibili soluzioni tramite dettagliati report di facile interpretazione.

Per simulare i diversi attacchi Nessus utilizza un database (Aggiornabile gratuitamente online) con oltre 14 mila plug-in che rappresentano i singoli moduli di codice per definire le caratteristiche e le procedure dei vari attacchi già conosciuti, a cui giornalmente vengono aggiunti quelli appena scoperti.

Da un punto di vista funzionale Nessus non é differente da altri programmi Security Scanner, utilizzando il suo database di vulnerabilità conosciute mantenuto sempre aggiornato, alimenta un motore di scansione per inviare tutta una serie di attacchi simulati verso la macchina “bersaglio” per verificare e registrare il suo stato e le reazioni.

Puoi trovare l’elenco completo di tutte le caratteristiche e funzionalità qui, mentre puoi vedere una presentazione video introduttiva di 15 minuti della versione Windows qui.

Il programma é disponibile per i vari sistemi operativi:

Via WebMasterPoint.org Fonte ABtechno.org

Linux Race

maggio 28, 2007

Quello che vedete non è un fotomontaggio. L’idea è venuta a due appassionati di formula Indy che desideravano trovare uno sponsor per la loro auto da corsa. Hanno pensato quindi di rivolgersi alla comunità di Gnu/Linux e di trasformare il sistema operativo del pinguino in uno strumento di marketing.

Il progetto è chiamato Tux500, l’idea iniziale del team era quella di raggiungere l’ambiziosa cifra di 350.000 dollari, in tal caso il pinguino sarebbe stato lo sponsor unico del team automobilistico, purtroppo però la cifra raggiunta con le donazioni è stata di soli 18,308.90 dollari, comunque sufficiente ad inserire un bel logo di Tux sul cofano del bolide!

Ulteriori fotografie dell’auto da corsa del team Tux500, che tra l’altro è riuscita a qualificarsi per la gara finale di Indianapolis 500, sono disponibili su Cnet News.

Questo invece il logo, scelto tramite un contest, che rappresenterà il team e che è stato anche impresso sul cofano della macchina:

Fonte Doxaliber.it

The Real “Wow”

maggio 26, 2007

Dell & LinuxInside

maggio 26, 2007

Il produttore americano ha annunciato di aver iniziato la vendita dei primi PC con Gnu/Linux preinstallato al posto di Windows.

La distribuzione scelta da Dell è Ubuntu che tra l’altro non ha perso tempo nel sottolineare il fatto che abbia scelto di installare proprio Ubuntu 7.04 sui computer equipaggiati con il sistema operativo Gnu/Linux.

In ogni caso i prodotti “LinuxInside” offerti da Dell sono al momento soltanto tre:

Dimension E520 N

Intel® Core™2 Duo Processor E4300 (1.8GHz, 800 FSB)
Ubuntu Desktop Edition version 7.04
1GB Dual Channel DDR2 SDRAM at 667MHz- 2DIMMs
250GB Serial ATA Hard Drive (7200RPM) w/DataBurst Cache™

Prezzo: $599

Inspiron E1505 N

Intel® Pentium® dual-core proc T2080(1MB Cache/1.73GHz/533MHz FSB
Ubuntu Desktop Edition version 7.04
512MB Shared Dual Channel DDR2 SDRAM at 533MHz, 2 DIMM
80GB 5400rpm SATA Hard Drive

Prezzo: $599

XPS 410 N

Intel® Core™ 2 Duo Processor E4300 (2MB L2 Cache,1.8GHz,800FSB)
Ubuntu Desktop Edition version 7.04
1GB Dual Channel DDR2 SDRAM at 667MHz – 2 DIMMs
250GB Serial ATA 3Gb/s Hard Drive (7200RPM) w/DataBurst Cache™

Prezzo: $849

Ovviamente le tre configurazioni di PC sono personalizzabili, si può cambiare processore, aggiungere ram, chiedere un hard-disk più grande.

L’unico grosso neo è che, almeno fino al momento in cui scrivo, l’offerta di Dell è presente soltanto sul sito americano del produttore, infatti sul sito italiano non si trova ancora nessuna traccia della nuova offerta di Dell, soltanto effettuando una ricerca con la parola chiave “linux” si riesce a raggiungere questa pagina, ancora in inglese, che comunque lascia ben sperare affinché l’offerta di PC Dell Linux arrivi presto anche in Italia.

Fonte Doxaliber.it

Audacity

maggio 19, 2007

Audacity è un software freeware per Windows, Apple e Linux che permette di registrare, editare e mixare i vostri file audio. Potete ascoltare musica, registrarla, importare ed esportare in formati Wav – Aiff – Mp3 e altri formati audio.

Lo potete usare per editare, tagliare, copiare ed incollare parte di tracce del vostro file audio. Riuscite a mixare ed inserire effetti nella registrazione, attraverso uno spettrogramma personalizzabile ed una finestra per l’analisi della frequenza audio.

Supporta anche plugin effect che trovate in rete: Altamente personalizzabile

Fonte Inblogtecno.com

Ubuntu diventa Mac OS X

maggio 17, 2007

Le capacità grafiche di Linux sono sorprendenti, e qualcuno ha deciso di spingersi oltre, scrivendo una guida per rendere Linux Ubuntu molto simile alla grafica di Mac OS X.

Dando un’occhiata alla guida si nota subito come essa sia scritta molto dettagliatamente e facilmente, anche per chi ha iniziato da poco ad utilizzare Linux. Ecco qui uno screenshot di Ubuntu trasformato in Mac OS X:

Linus risponde a Bill

maggio 17, 2007

Ricordate l’articolo in cui Microsoft accusava i creatori e gli utenti del software libero di plagio?

Linus Torvalds, padre di Linux, si è preso la briga di rispondere attraverso una lettera inviata a InformationWeek.

“È molto probabile – si legge nella lettera – che Microsoft vìoli molti più brevetti di quanto farebbe Linux. La teoria che sta alla base dei sistemi operativi – continua – è stata sviluppata intorno alla fine degli anni Sessanta. Non è difficile, così, ipotizzare che Ibm probabilmente detiene migliaia di brevetti ‘fondamentali’ che nel tempo sono decaduti”.

Torvalds ha anche spiegato che Microsoft, invece di minacciare, dovrebbe comunicare esplicitamente quali sarebbero i brevetti violati, in modo che, eventualmente, gli sviluppatori potrebbero risolvere la situazione creando nuove righe alternative di codice.

“Per questo – conclude Linus – il gioco del ‘noi abbiamo la lista e non ve la diamo’ non significa un bel niente”.

Fonte DownloadBlog.it

Wikipedia nell’iPod

maggio 15, 2007

Encyclopodia è una versione portatile di Wikipedia per iPod. Disponibile anche in italiano.

Qui potete trovare le istruzioni per Windows o per Linux e Mac, mentre a questa pagina potete fare il Download gratuito.

Fonte Geekissimo.com

Linux viola oltre 235 brevetti Microsoft

maggio 14, 2007

Microsoft scaglia la più grande accusa verso il mondo Linux dichiarando che il pinguino viola ben 235 brevetti del colosso di Redmond. I brevetti violati sono cosi suddivisi:

Kernel di Linux viola 42 brevetti
Interfaccia e altri elementi della progettazione 65 brevetti
45 su Office
15 sull’email
68 di varia natura

Al momento Microsoft ha deciso di affrontare il problema in stile “Guerra Fredda”, ma se Microsoft decidesse di attaccare l’open-sourse, le aziende che hanno deciso di combinare il proprio know-how potrebbe rispondere con le stesse armi.

Continua qui

Fonte HardwareMax.it

Installare Linux Ubuntu come un software?

maggio 12, 2007

Ubuntu viene ancora considerato da molti un sistema inaccessibile alle persone “normali” o dotate di scarse capacità informatiche.

Bisognerebbe trovare un modo per far provare Ubuntu alla gente senza che si debbano effettuare un’installazione che, seppur semplice, necessita di partizionare il disco e modificare la configurazione del proprio pc. Certo, esistono già le live cd (E sono una grandissima cosa, soprattutto se utilizzate come dischi di emergenza), ma converrete che non è la stessa cosa del sistema installato! Sono lente a caricare i programmi, e van bene si e no per giocare con il sistema una mezz’oretta prima di annoiare.

Wubi è un software ancora in beta: Si avvia da Windows e permette di installare e disinstallare Ubuntu sul proprio sistema come se fosse una qualsiasi altra applicazione. Non necessita quindi del ripartizionamento del disco, non si deve modificare l’mbr, non c’è bisogno di masterizzare nessun cd.

Come funziona? Semplicemente modifica il bootloader di Windows per permettere la scelta di Ubuntu all’avvio del computer, e installa il nuovo sistema operativo in un file system virtuale creato appositamente all’interno di una cartella di Windows. Le prestazioni dicono che sono simili a quelle di un’installazione normale, a parte una minor velocità nell’accesso al disco.

Per ora non è ancora possibile tramutare la propria installazione di Wubi in un’installazione effettiva di Ubuntu (Cioè copiare l’hard disk virtuale in una vera partizione), ma sembra che ci stiano ancora lavorando.

Fonte BenDetto.net