Google: Pubblicità nei videogiochi

by

Google potrebbe monitorare i videogiocatori sul Web per individuare profili psicologici da utilizzare a scopi pubblicitari. Verrà attentamente analizzato il comportamento online degli utenti, per individuare preferenze, gusti, interessi e abitudini di consumo, merce preziosa se venduta agli inserzionisti.

Il progetto, riferisce il quotidiano inglese The Guardian, è diretto a customizzare la pubblicità da mostrare agli utenti dei videogiochi online

Nel brevetto depositato da Google in Europa e negli Stati Uniti lo scorso mese si legge che un target particolarmente fruttuoso potrebbe essere rappresentato da coloro che giocano a Second Life e World of Warcraft.

Nei MMORPG (Giochi di ruolo online multigiocatore di massa), infatti, i giocatori interagiscono tra loro e prendono decisoni che probabilmente riflettono il loro comportamento nella vita reale.

Le informazioni raccolte, riferisce The Guardian, potrebbero essere utilizzate per rendere le inserzioni pubblicitarie più rilevanti per l’utente. Ad esempio, si legge nel brevetto, coloro che trascorrono molto del tempo a esplorare territori potrebbero essere interessati ai viaggi, quindi il sistema potrebbe mostrare pubblicità inerenti.

Allo stesso modo, chi passa molto tempo a dialogare con gli altri personaggi potrebbe essere il target ideale per pubblicità di telefoni cellulari. Secondo quanto specificato nel brevetto, Google potrebbe anche monitorare i giocatori di console connesse a internet, come la Playstation della Sony, la Wii della Nintendo o l’Xbox della Microsoft, recuperando le informazioni utili dalle sessioni di gioco salvate nelle memory card.

Il progetto ha suscitato le preoccupazioni dei gruppi di tutela della privacy, che vedono come “allarmanti” le implicazioni di una raccolta così accurata di informazioni sugli utenti. Contattato dal quotidiano inglese, un portavoce di Google ha dichiarato che non vi sono progetti di implementare a breve la nuova tecnologia, e che Google è solita depositare “diversi brevetti indipendentemente dall’intenzione o meno di utilizzarli”.

“Secondo le stime degli esperti, circa 500 milioni di dollari saranno spesi quest’anno per le inserzioni pubblicitarie inserite nei videogiochi, cifra che raggiungerà i due miliardi di dollari entro il 2010”, sottolinea il The Guardian, ricordando che “si prevede che i mondi tridimensionali virtuali ed i giochi di ruolo saranno presto tra i prodotti che muoveranno più soldi nel web”.

Fonte WebMasterPoint.org

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: