Microsoft & beta-tester

by

I beta tester svolgono un ruolo fondamentale nel ciclo di sviluppo di un nuovo software, il loro compito, svolto ormai quasi sempre senza ottenere alcun compenso, è quello di testare i software non ancora introdotti nel mercato, verificare la presenza di eventuali bug e testare la qualità complessiva di un programma.

Anche Windows Vista, nelle versioni beta e release candidate (RC), è stato sottoposto al giudizio di milioni di beta tester sparsi in tutto il mondo; Ma, ora che la versione definitiva del sistema operativo di Microsoft è stato lanciata definitivamente sul mercato, i beta-tester non servono più.

Per questo motivo le versioni “beta” di Vista cesseranno di funzionare il 1° Giugno del 2007 e, a quanto pare, Microsoft non intende “favorire” la migrazione dei beta-tester verso il nuovo sistema operativo.

A sottolineare questa “scadenza” è Cori Hartje, direttore del settore antipirateria di Microsoft, il quale, già in data 30 Marzo, si è affrettato a ricordare che:

“[…] Le installazioni beta sono programmate per scadere alla fine di Maggio 2007, per cui i clienti che hanno versioni test di Vista nel loro PC devono decidere se vogliono migrare a Windows Vista o tornare al loro vecchio sistema operativo”.

Ma i dettagli su “come effettuare” tale migrazione sono davvero scarni. Molti beta tester hanno chiesto chiarimenti sull’esatta procedura da seguire, ed hanno anche cercato di capire se Microsoft, in qualche modo, intenda offrire consiglio, o magari “sconti”, a coloro che hanno testato i suoi software. L’azienda però, almeno per ora, si è rifiutata di fornire chiarimenti.

Le uniche informazioni certe, pubblicate l’anno scorso da Microsoft nel sito dedicato al Customer Preview Program (CPP), segnalavano appunto che la data di scadenza del prodotto sarebbe stata il 1° Giugno, e spiegavano chiaramente che, una volta installata la versione di test di Vista, non esisteva alcuna procedura per “tornare indietro” al vecchio sistema operativo:

“Non potete ritornare al precedente sistema operativo installato – dovrete acquistare ed installare una versione finale di Windows Vista o reinstallare da zero una precedente versione di Windows”

Questo era ciò che si leggeva sul sito.

A quanto pare i beta tester speravano almeno di poter usufruire delle versioni “Upgrade” di Vista, che di listino costano molto meno rispetto alle versioni “Full” del sistema operativo.

La differenza in termini economici è notevole, un utente del forum ad esempio segnala che la versione Vista Ultimate Full costa 399 dollari, mentre la versione Upgrade costerebbe “soltanto” 259 dollari, una differenza notevole.

Quindi, la versione Upgrade di Vista avrebbe consentito ai beta tester un notevole risparmio, ma i beta tester speravano di poter usufruire di una versione upgrade di Vista anche perché quest’ultima avrebbe semplificato moltissimo la “migrazione” al nuovo sistema operativo. Infatti i beta tester, dovendo scegliere se reinstallare una vecchia versione di XP, oppure una versione “full” di Vista, saranno costretti ad effettuare “necessariamente” un backup di tutti i loro dati e la reinstallazione di tutti i programmi che avevano installato sulle loro versioni beta di Vista.

Microsoft, come ho segnalato all’inizio del post, aveva “formalmente” avvertito i beta tester:

“Se installate una versione beta di Vista su una precedente installazione di Windows non potrete tornare indietro”

Resta comunque il fatto che l’azienda di Redmond avrebbe potuto scegliere una politica meno “ferrea”, almeno nei confronti di coloro che hanno contribuito fattivamente allo sviluppo del suo nuovo sistema operativo.

Fa specie che l’unica dichiarazione ufficiale sia giunta dal direttore del reparto antipirateria di Microsoft, evidentemente dalle parti di Redmond il passo da beta tester a pirata è più breve di quanto ci si possa aspettare.

Fonte Doxaliber.it

Annunci

2 Risposte to “Microsoft & beta-tester”

  1. Nando Says:

    Scusate ma quale antipirateria?

    Non c’è neppure bisogno di farlo o scadere nell’illegale.

    Si può benissimo formattare ogni 120 Giorni rimanendo nella legalità di una versione trial…

  2. Sirus Says:

    Si perché la gente ha tempo da perdere e quindi formattare ogni 120 giorni non è un problema secondo te… 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: